Connect with us

home

Juventus, Allegri: “per il Real c’è tempo, ora temo il Milan”

Massimiliano Allegri si presenta in conferenza stampa prima della delicatissima partita interna contro il Milan e affronta tanti temi che riguardano la sua squadra e anche il suo rapporto con la società bianconera.

Ecco i passi salienti delle sue dichiarazioni.

Il mio primo pensiero è rivolto alle famiglie delle due vittime del porto di Livorno, il secondo a Emiliano Mondonico, uomo che ha dato un esempio, ha vissuto calcio con passione e semplicità”.

La partita più importante è quella di domani, col Real chi ci sarà giocherà, chi non ci sarà non giocherà.

Domani rischiamo di giocare a -1 da un Napoli che ha un solo obiettivo, è fuori da tutto, credo che sia un anno troppo importante per loro. L’anno prossimo sanno che vincere il campionato sarà difficile, cercheranno di battere ferro e giocarsi le loro chances.

Dobbiamo pensare alle due sconfitte dopo le precedenti soste contro Samp e Lazio. Siamo ancora arrabbiati per i 2 punti lasciati a Ferrara, ci siamo giocati un bonus. Il Milan ha vinto 8 partite delle ultime 10, le ultime 5 di fila, sarà equilibrata come sempre.

Il Real? Ci pensiamo da lunedì. Giochiamo contro la squadra più forte del mondo, abbiamo l’ambizione di batterli”.

Cuadrado domani verrà in panchina.

Pian piano stiamo recuperiamo tutti, domani c’è il Milan e poi 7 partite fino al Napoli. È un momento da affrontare con entusiasmo, lavoriamo per arrivare fino in fondo in tutte e tre le competizioni. Se ci dovesse andare male, ma credo di no, giocheremo tre partite in meno. Da quando sono sulla panchina della Juve sarebbero 224 su 232 totali, non sono numeri da buttare”.

La prossima settimana Federico Bernardeschi dovrebbe rientrare con la squadra, ha scansato l’operazione, una notizia importante per lui e per la squadra. Domani gioca quasi sicuramente Lichtsteiner a destra. Se gioco col centrocampo a due o tre? Dipende da chi gioca davanti.

Bentancur? E’ un giovane bravo, per me vale gli altri centrocampisti in rosa”.

Paulo Dybala a Madrid? Spero che almeno Simeone gli abbia offerto il pranzo… Sono cose che capitano, la cosa importante è che Dybala faccia un gran finale di stagione, per la Juve e il Mondiale. Credo che ci andrà.
Gonzalo Higuain? Quando perdi 6-1 non sei contento, ha smaltito la botta in nazionale, è a posto. Mandzukic sta bene, ora non abbiamo più tempo per sbagliare in campionato”.
Su Bonucci “Per lui sarà una serata speciale. Ha dato molto a Juve e viceversa, ha fatto una scelta che non mi aspettavo, ma avrà avuto le sue motivazioni. E’ sempre nel cuore tifosi juventini, legatissimo a Buffon, Barzagli e Chiellini. Quando è andato via si parlava di una difesa indebolita, ma sono cresciuti molto Benatia e Rugani. Rancore? Non c’è assolutamente da parte mia, a Oporto è stato fuori per il bene suo e della squadra.
Sul suo contratto: Ho un contratto fino al 2020, sto bene e la mia idea è quella di rimanere qui”.
loading...

Click to comment

Rispondi

Serie A


I nostri partner…

Ti Consigliamo…

Seguici anche su Radio Momenti di Calcio

Ascolta “Lo show di Momenti di Calcio” su Spreaker.

 

In Diretta, Tutti i lunedì dalle 18:15 cliccando QUI

Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in home