Connect with us

home

MILAN, subito 10 milioni di euro oppure sarà default

In casa Milan non si vivono ore facili dal punto di vista finanziario.
Le voci di di difficoltà economica della proprietà cinese si fanno sempre più insistenti e ora spunta un’altra brutta notizia: Mr Li dovrà versare entro stasera 10 milioni come prima tranche dell’aumento di capitale deliberato.
Riportiamo sulla complessa vicenda un estratto di quanto pubblicato su Gazzetta.it.
Li Yonghong è sempre più in difficoltà.
Non uscirà di scena domani mattina, ma per restare al comando del Milan dovrà innanzitutto adempiere ai futuri obblighi da azionista di riferimento, visto che è stato appena deliberato un nuovo aumento di capitale da 37,4 milioni.
E contestualmente trovare in fretta il modo di rifinanziare il suo debito con Elliott, il fondo anglo-americano che un anno fa prestò i 303 milioni decisivi per arrivare al closing con Fininvest. Il momento in cui tutto si capirà non è ottobre 2018, quando il prestito dovrà essere rimborsato. Si capirà qualcosa molto prima.
Il primo evento da considerare è una richiesta stringente del cda del Milan al suo presidente: versare entro stasera 10 milioni come prima tranche dell’aumento di capitale deliberato.
Difficilissimo capire se il pagamento arriverà: Li Yonghong fino a questo momento ha sempre versato quanto richiesto.
Nel caso in cui Mr. Li non procedesse al pagamento della prima fetta dell’aumento di capitale, Elliott interverrebbe – probabilmente lunedì, non nel fine settimana – versando i 10 milioni. Li Yonghong a quel punto avrebbe una settimana per restituire il denaro a Elliott e, nel caso in cui non facesse fronte ai suoi impegni, arriverebbe al default, con conseguente entrata in scena prepotente di Elliott.
Intanto, Li Yonghong può versare i 10 milioni entro stasera. Con un’altra mossa, può accettare un nuovo prestito-ponte da 35 milioni da Elliott con cui gestire il club fino alla fine della stagione. In questo caso l’indebitamento di Rossoneri Sport Investment Luxembourg, la società proprietaria del Milan, aumenterebbe notevolmente.
Li Yonghong però avrebbe altro tempo (fino al 30 giugno?) per cercare un rifinanziamento e i prossimi tre mesi sarebbero particolari. Mr. Li resterebbe al comando ma Elliott avrebbe un ruolo sempre più centrale, probabilmente decisivo anche nei colloqui con la Uefa, che il 19-20 aprile vedrà il Milan per discutere il settlement agreement.
L’aumento di capitale però non si limita ai 10 milioni in scadenza questa sera.
Il consiglio di amministrazione del Milan, composto da Li Yonghong, Marco Fassone, tre membri italiani e tre cinesi, ha deliberato un aumento di capitale da 37,4 milioni di euro. Aveva la facoltà di farlo.
Tutti i piccoli azionisti del Milan hanno ricevuto in queste ore una lettera in cui il cda chiede di esprimersi entro il 4 aprile – casualmente, il giorno del derby – sulla volontà di esercitare il diritto di opzione per la sottoscrizione delle azioni.
Ognuno può decidere se versare la somma richiesta oppure no. Nel secondo caso, semplicemente, la percentuale di azioni detenute scenderebbe.
Li Yonghong quindi è chiamato a versare questi 37 milioni entro fine giugno. Con quel denaro, il Milan si garantirebbe la gestione del club nei prossimi tre mesi.
fonte Gazzetta.it
loading...

Click to comment

Rispondi

Serie A


I nostri partner…

Ti Consigliamo…

Seguici anche su Radio Momenti di Calcio

Ascolta “Lo show di Momenti di Calcio” su Spreaker.

 

In Diretta, Tutti i lunedì dalle 18:15 cliccando QUI

Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



Le Dirette di Momenti di Calcio

La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in home