Connect with us

home

Batistuta:” Oggi non esiste un giocatore uguale a me”

Batistuta, grandissimo centravanti ex Fiorentina e Roma, ha rilasciato un’intervista al Corriere dello Sport dove ha ripercorso la sua carriera e ha toccato delle tematiche più attuali.

Gabriel Omar Batistuta, ex centravanti dell’Argentina e di Fiorentina, Roma e Inter, si racconta in una lunga intervista al Corriere dello SportBatigol parla della sua esperienza in Italia e dei difensori che ha dovuto affrontare: “Mi ricordo di Vierchowod, Baresi, Maldini, Nesta, Chamot, Bergoi, Ferri. Tanti. Poi cominci a fare gol e tutte le squadre stanno attente a quello che puoi fare. E così non hai più un marcatore ma due o tre. Tanti di menavano pure. Io, sia chiaro, mi difendevo”.

L’ALLENATORE – “Il più importante? Bielsa, per le cose che mi ha insegnato, perché ha preso un ragazzino che non voleva giocare a pallone e lo ha trasformato in un professionista vero. E poi Basile. In Italia CapelloRanieri. Io, sinceramente, agli allenatore non davo molto reta, nel senso che un attaccante vive più d’istinto. E’ difficile insegnare a un centravanti. Ho avuto un buon rapporto con tutti, non con Passarella, non c’era feeeling”.

UN NUOVO BATI? – “C’è un nuovo Bati? Higuain mi assomiglia? No, sinceramente no. E’ giusto che sia così, ognuno deve essere quello che è. A me non piaceva essere paragonato ad un altro, io volevo essere io. Sono stato umile, guardavo tutti. Da van Basten all’ultimo attaccante della Serie A. Ognuno ti lascia qualcosa, sempre. Higuain o Icardi stanno venendo fuori bene”.

MARADONA-MESSI – “Diego è stato il più grande di tutti. Diego rappresenta anche l’argentino in tante cose, non solo nel calcio. Ha carisma, aveva un talento e una fantasia rari. Messi, anche se tecnicamente è uguale o magari superiore, non riesce a superarlo. Il carisma di Maradona non è quello di Lionel. Diego poteva anche gestire lo stadio, tutti guardavano lui. Ho giocato con lui e le posso dire quanto fosse decisivo tecnicamente per la squadra. Maradona è poesia, Messi è prosa. Quello che manca a Messi rispetto a Maradona è questa dimensione fantastica, quasi onirica. Neanche allenandosi tutte le ore del giorno potrà raggiungere quello stato, perché non è una cosa che dipende da lui. E’ madre natura. E’ così, si nasce in una maniera o in un’altra. In passato c’erano dubbi su Messi. Ora  no. Ora è perfetto tecnicamente, ora non c’è più da discutere, ha fatto più gol di tutti. Nonostante questo per me non è Diego. E probabilmente non lo sarà mai“.

SU DYBALA – “E’ un buon giocatore, davvero. E sta crescendo. Ma bisognerebbe vederlo al cospetto di altre difese, in altri campionati, per giudicarlo pienamente”.

SULLA SUA MITRAGLIA – “Cosa c’era in quel gesto? Non lo so, forse rabbia. Non c’era niente di speciale, era un gesto istintivo. Lo facevo per i tifosi. Per loro era il massimo”.

SU ASTORI – “Sono ancora sotto choc. A volte voglio parlarne, perà rimango senza parole, subito. Cosa dico? Non mi viene da dire niente, solo da pensare al suo destino. Non riesco a trovare parole, mi sembrano vuote o piccole”.

Fonte: corrieredellosport.it

Pier Francesco Miscischia

 

loading...

Studente di Giurisprudenza e grande appassionato di calcio, adoro scrivere sul mio sport preferito.

Click to comment

Rispondi

Serie A


I nostri partner…

Ti Consigliamo…

Seguici anche su Radio Momenti di Calcio

Ascolta “Lo show di Momenti di Calcio” su Spreaker.

 

In Diretta, Tutti i lunedì dalle 18:15 cliccando QUI

Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in home