Connect with us

editoriali

Disvalori e ipocrisie del calcio italiano – Di Giuseppe Sesto

Dopo l’ennesimo torto arbitrale ai danni della sportività prim’ancora che contro la S.S.Lazio, una delle società sportive più antiche, onorate e vincenti dello sport nazionale e europeo, una riflessione oggettiva e onesta è d’obbligo.

Mi chiedo come si faccia ancora a credere e a parlare di valori sportivi nel calcio italiano?

Come si fa a insegnare a un giovane a impegnarsi e sacrificarsi, a studiare, allenarsi e a rispettare regole e autorità quando il puzzo di marcio dovuto dai mali esempi che giungono dall’alto arrivano a offendere fin’anche gli angeli sui nembi?

Chissà cosa starà pensando il povero Astori da lassù, di fronte alla malattia letale di cui non solo il calcio ma quasi ogni cosa buona e positiva dell’Italia è oramai caduta vittima?

Astori che ipocritamente viene ricordato con atti esteriori e minuto di silenzio, quando invece lo si dovrebbe onorare facendo trionfare i valori e non i disvalori di questo sport malato che lui tanto amava.

Quel che penso io, o meglio la mia utopia, è che vorrei vedere il prima possibile una rivoluzione gentile, alle rose, attraverso un ricambio generazionale magari tramite atti di vero onore quale ritengo essere ad esempio la presentazione di dimissioni di massa da parte di tutti i dirigenti e dei pubblici e privati amministratori che in ogni ambito ci hanno portati a questo scempio a cui assistiamo ogni santo giorno.

Vorrei vedere lontano da posti di potere tutti i responsabili e i fiancheggiatori di questo stato di totale scatafascio in cui siamo piombati e in cui ci siamo ripiegati come Paese già da diversi anni, da quando i profitti sono stati posti al primo posto su tutto il resto, salvo poi nel tempo fagocitarlo prima di gettare al fuoco le risorse, i valori e tutto ciò che prima ci faceva meritare il rispetto e l’affetto da parte del mondo intero.

Da uomo di sport amante del calcio e fedele ai valori di Olimpia ma anche come cittadino italiano mi sembrerebbe il minimo.

Chiedo troppo?

Stefano Lesti, direttore Responsabile di Momenti Di Calcio

Direttore responsabile di Momentidicalcio.com, giornalista, scrittore, storico, dirigente e responsabile della comunicazione di società sportive.

Click to comment

Rispondi

Serie A


I nostri partner…

Seguici anche su Radio Momenti di Calcio

Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in editoriali