Connect with us

editoriali

VAR: Fiorentina-Juventus, l’arbitro Guida promosso dai vertici arbitrali…e tanti saluti alla credibilità

I vertici arbitrali hanno promosso l’arbitro Guida per l’arbitraggio della partita tra Fiorentina-Juventus di venerdi sera soprattutto in relazione al rigore concesso e poi tolto ai viola dopo circa 4 minuti di consultazione

I vertici arbitrali hanno promosso l’arbitro Guida per l’arbitraggio della partita tra Fiorentina-Juventus di venerdi sera soprattutto in relazione al rigore concesso e poi tolto ai viola dopo circa 4 minuti di consultazione… Come negare l’evidenza…

La notizia viene riportata stamattina dalla “Gazzetta dello Sport” che spiega anche il perchè l’arbitro napoletano ha fatto bene a non concedere più il rigore ai viola considerando il tocco di Alex Sandro a Benassi del tutto involontario e quindi non giocata intenzionale.

Rizzoli (designatore Can) e Nicchi (presidente degli arbitri) avrebbero consultato regolamenti e direttive Uefa recepite dall’Aja e giuntialla conclusione che  il fuorigioco nel corso delle ultime stagioni è stato depotenziato (basti pensare alle posizioni passive/attive) e non scatta più, ad esempio, quando c’è una giocata volontaria, pure se sbagliata.

Ma quella di Sandro non rientra in questa casistica.

Al contrario, come si legge nelle direttive che spiegano la differenza tra tocco deliberato e uno casuale (in particolare alla voce “time”), deve essere valutato come deviazione (non sana l’offside) quando il giocatore “ha una reazione istintiva, giocando il pallone con scarsa qualità”.

Nel caso di venerdì, Simeone attacca Sandro (probabilmente commette fallo negligente), poi sposta il pallone.

In quell’istante il bianconero perde l’equilibrio e in caduta ha un gesto istintivo, toccando la palla rotolata verso di lui.

Deviazione che per i vertici Aia non poteva essere una “giocata”.

Questa interpretazione ci lascia molto perplessi perchè, a nostro avviso, le cose non sono andate esattamente così.

E’ vero che Simeone sposta il pallone ed è vero che Sandro in caduta tocca una prima volta la palla ma vi è un secondo tocco, questa volta volontario, del terzino bianconero ed è quest’ultimo colpo che fa andare la palla verso Benassi.

Questo secondo tocco non può non considerarsi casuale ed è quindi una “giocata”.

Crediamo che tutti gli appassionati di calcio – tifosi e non – che hanno visto con i loro occhi le immagini televisive non possono essere d’accordo con Nicchi e Rizzoli anche se questi ci vogliono convincere del contrario.

Basterebbe per una volta ammettere: “ci siamo sbagliati” e allora il calcio acquisterebbe più credibilità.

LEGGI ANCHE SULL’ARGOMENTO SE FUNZIONA COSì, ALLORA VAR…REBBE LA PENA ELIMINARLA

 

 

loading...

Click to comment

Rispondi

Serie A


I nostri partner…

Ti Consigliamo…

Seguici anche su Radio Momenti di Calcio

Ascolta “Lo show di Momenti di Calcio” su Spreaker.

 

In Diretta, Tutti i lunedì dalle 18:15 cliccando QUI

Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in editoriali