Connect with us

Calciomercato

Roma, è il momento di fare chiarezza

I tifosi della Roma sono preoccupati dalle voci di cessione di alcuni suoi campioni

In casa Roma son giornate movimentate.

Le recenti polemiche tra il Presidente Pallotta e i tifosi, oramai stanchi di promesse non mantenute e soprattutto sospettosi che il vero business Roma per la proprietà americana sia lo stadio, hanno avvelenato – e non poco –  l’ambiente sportivo turbato anche dalle voci di cessioni di alcuni big tra i quali Nainngolan e Strootman.

Se gli obiettivi sportivi stagionali sono difficili da raggiungere (eliminazione in Coppa Italia, scudetto oramai troppo distante e Champion League nella quale si può pensare di passare al massimo un turno o due), i tifosi sono preoccupati dall’idea che ogni anno – almeno da quando la proprietà è americana – la squadra venga smantellata nei pezzi migliori e che poi la ricostruzione non sia proprio cosa facile.

Viene tanta rabbia ai romanisti vedere un Salah praticamente regalato in tutta fretta al Liverpool a giugno (ma proprio vendendo lui si dovevano sistemare i bilanci o sarebbe stato meglio vendere due/tre giocatori in esubero per ricavare la stessa somma?) quando al suo posto è stato preso Shick,  che dopo essere stato scartato dalla Juve e poi pagato tantissimo alla Sampdoria – dove, peraltro, aveva giocato poche partite e con Giampaolo partiva sempre dalla panchina – si sta rendendo autore di un campionato finora scialbo, relegato spesso in panchina e anche da subentrante, mai incisivo.

Molti giocatori si stanno svalutando rispetto alla passata stagione oppure non hanno più l’appeal di qualche tempo fa : pensiamo a uno Strootman oramai lontano da una quotazione di mercato accettabile e Nainggolan che, al netto delle sciocchezze che ogni tanto commette, oramai trentenne, a grandi livelli non ha più fascino neanche presso i ricchissimi club di oltremanica.

Alisson ha dichiarato di voler rimanere almeno fino a giugno (lasciando intendere che… poi se ne riparlerà) e Florenzi, dopo l’incidente, ancora deve ritornare ai livelli cui ci aveva abituato.

Dzeko oramai è prossimo a compiere trentadue anni e anche al massimo della carriera la sua quotazione non ha raggiunto i venti milioni di euro (la Roma l’ha pagato all’incirca 15 un paio di anni fa) così come De Rossi non ha più valore di mercato e in difesa solo Manolas può rappresentare un buon investimento così come il valore di Fazio non dovrebbe superare i dieci milioni di euro.

El Sharawi è discontinuo e Perotti appare troppo penalizzato dal rendimento complessivo offensivo della squadra con conseguente deprezzamento del valore, pure indiscusso, dei due calciatori.

In assenza o quasi di calciatori che potrebbero finanziare il calciomercato, lo scenario appare preoccupante e i tifosi pensano con nostalgia e rimpianto a tutti i campioni transitati da Roma recentemente venduti con troppa leggerezza in cambio di buoni giocatori e nulla più.

Se si pensa che in difesa giocavano Szczęsny, Benatia, Marquinhos e Rudiger e che in avanti si poteva contare su Pianjc, Lamela, Osvaldo, Gervinho, Salah – tanto per fare qualche nome – oggi non c’è da stare molto allegri.

Senza considerare che, rispetto agli anni scorsi, manca pure un certo….. Francesco Totti!!

Foto tratta da : Roma Today

 

loading...

Click to comment

Rispondi

Serie A


I nostri partner…

Ti Consigliamo…

Seguici anche su Radio Momenti di Calcio

Ascolta “Lo show di Momenti di Calcio” su Spreaker.

 

In Diretta, Tutti i lunedì dalle 18:15 cliccando QUI

Seguici su Facebook!

RSS Brevi Sport

Collabora con noi

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com

RSS Dal mondo

La nostra rubrica… Saranno Campioni?

Contattaci…

Contattaci al n. 3341942054 oppure scrivici a commerciale@momentidicalcio.com



La nostra rubrica: La Storia del Calcio

More in Calciomercato